Bersellini - CF2001

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > News

Premetto che scrivo questo articolo prima di tutto da genitore e poi da addetto stampa della società.
L'incontro di stasera con Laura Bersellini figlia del grande Allenatore Eugenio Bersellini è stato molto interessante dando la possibilità ai genitori, dirigenti ed allenatori o meglio educatori presenti, di toccare tanti argomenti e di potersi confrontare tra loro. Domande, risposte, affermazioni, hanno ruotato proprio come una palla su quel magico tappeto erboso, fonte di divertimento, passione, paure, emozioni, stress...sfoghi. Come ci ha ricordato Laura, bisogna tornare bambini o almeno ascoltare quello che è ancora in noi, per arrivare a comprendere meglio i nostri figli ed il rapporto che hanno con il calcio. Un gioco, quello del calcio che ha perso in parte il senso ed il suo significato etimologico, cioè quella qualsiasi attività liberamente scelta a cui si dedichino, singolarmente o in gruppo, bambini o adulti senza altri fini immediati che la ricreazione e lo svago, sviluppando ed esercitando nello stesso tempo capacità fisiche, manuali e intellettive ed educative. L'evoluzione della società ha portato a bruciare le tappe in qualsiasi campo pretendendo spesso di sfornare campioni anche riferendosi a bambini di appena 6/8/10 anni, caricandoli di inutili responsabilità, promettendo falsi traguardi, con i genitori a loro volta vittime pensando che questo sia il vero volere dei bambini circuiti e illusi da innumerevoli fonti multimediali.
Laura ha puntato invece l'attenzione, di quanto sia più importante ascoltare e parlare con i figli, piuttosto che assistere alle partite come genitori, in quanto spesso fonte di inquinamento di quei propri, personali minuti di divertimento del bambino. Senza dimenticare quell'aspetto educativo importante svolto dagli educatori, che ad esempio responsabilizzano i bambini nel rapporto con gli altri coetanei, con gli adulti ed il rispetto delle regole di comportamento come quella di far preparare e portare la borsa del calcio al bambino e non al genitore.






 
Torna ai contenuti | Torna al menu